Stampa | Chiudi

» MONZA - ALBERTO CERQUI E' CAMPIONE ITALIANO DI FORMULA AZZURRA

Il 17enne pilota bresciano della Mg Motorsport si aggiudica il titolo tricolore con il piazzamento di gara 1 e nel weekend dominato da Alessandro Silvestri ed Eugenio Palmeri vincitori delle due ultime gare della stagione. L’appuntamento con il Campionato Italiano Formula Azzurra, Trofeo Michele Alboreto è ora al prossimo anno con la disputa della sua sesta edizione ancora una volta riservata ai migliori talenti dell’automobilismo nazionale.

Grazie al settimo posto conquistato in gara 1 Alberto Cerqui vince all’ultimo round stagionale il Campionato Italiano Formula Azzurra, Trofeo Michele Alboreto. Al termine di una stagione che lo ha visto conquistare 4 vittorie ed altri due piazzamenti nelle posizioni da podio, il 17enne bresciano della Mg Motorsport iscrive così il proprio nome nell’albo d’oro della serie addestrativa, varata da ACI-CSAI nell’ambito del “Progetto Giovani” e giunta alla sua quinta edizione. Nel weekend monzese che ha visto le vittorie del 19enne riminese Alessandro Silvestri (Mg Motorsport) in gara 1 e del 20enne siracusano Eugenio Palmeri (Linerace) in gara 2, il 15enne bergamasco Luca Defendi (Fog Competition) ha perso le ultime speranze di lotta al titolo già in gara 1 dove non è andato oltre il quinto posto con una monoposto peraltro danneggiata dalla bagarre dei primi metri. Sul podio del round monzese anche il 18enne agrigentino Marco Moscato (Mac Competition) secondo di gara 1 davanti a Palmeri autore del giro più veloce, mentre in gara 2 alle spalle del siciliano chiudono Silvestri ed il 19enne fiorentino Marco Falci (Nannini Racing). Nella gara pomeridiana bella lotta per il quarto posto dove la spunta il 16enne senese Mirko Torsellini (Minardi-Corbetta) davanti al 21enne romano Simone Taloni (Winner Motorsport) in rimonta dopo un errore nelle prime tornate.

Alla partenza di gara 1 Silvestri non si lascia sorprendere e si invola al comando davanti a Pellitteri poi inseguito da un gruppo dove emergono Falci, Fontana, Valori e Taloni, mentre Defendi e Cerqui perdono posizioni con i segni della bagarre sul musetto. La lotta si accende alle spalle del leader con Pellitteri, Fontana e Falci in lotta per la piazza d’onore. Proprio il contatto al terzo giro tra lo svizzero ed il fiorentino blocca tutto il gruppo alla Prima Variante rimescolando le posizioni. Alle spalle di Silvestri e Pellitteri si portano infatti Defendi, Moscato, Palmeri, Torta e Cerqui settimo che così riesce ad entrare nella zona punti davanti a Iaquinta. Il leader del campionato non si accontenta ed anche con l’ala anteriore staccata guadagna la sesta posizione sul milanese. Defendi e Moscato lottano per la terza posizione con il bergamasco che oltre al baffo destro rischia di perdere il cofano motore nei tratti più veloci. Della bagarre ne approfitta Palmeri che arriva a guadagnare la scia di Defendi provando l’attacco al decimo di giro. Il sorpasso arriva a ruote fumanti nel successivo passaggio alla Prima Variante, ma le emozioni non finiscono lì. All’ultimo giro, infatti, Pellitteri si ritrova in scia Moscato, Palmeri e Defendi. Il siciliano, nel tentativo di difendere la piazza d’onore, va in testacoda lasciando così strada a Moscato e Palmeri, mentre anche Defendi si intraversa perdendo posizioni. La bandiera a scacchi saluta così il secondo posto di Moscato che precede per un solo decimo di secondo Palmeri ed a seguire in due decimi Pellitteri, Defendi e Taloni, mentre con il settimo posto conquistato davanti a Torta, Cerqui si laurea campione.

Allo start di gara 2 è Palmeri ad esprimere lo spunto migliore involandosi al comando su Silvestri, mentre alle loro spalle è subito bagarre alla Prima Variante. A districarsi meglio di tutto è Cerqui che si lancia così al terzo posto, ma grazie ad un taglio di Variante che lo costringe ad un Drive Through. Silvestri riesce a portarsi in testa già al secondo giro, ma continuano le scintille per il terzo posto dove sono in lotta nell’ordine Falci, Iaquinta, Taloni, Torsellini, Defendi e Moscato tutti ai ferri corti. Taloni si attarda alla Ascari e perde contatto dalla bagarre che con il passare dei giri vede Falci più saldamente al terzo posto e Iaquinta lottare con Torsellini per il quarto. Intanto alla nona tornata si riaccende la lotta per la prima posizione con Palmeri che riesce a riguadagnare il primato, mentre Torsellini guadagna il quarto posto su Moscato e Iaquinta vicinissimi e Defendi, invece, perde posizioni. All’ultimo giro Defendi e Pellitteri concludono nella sabbia la lotta per il nono posto, mentre la gara si chiude nel segno di Palmeri che agguanta il suo primo successo su Silvestri, Falci, Torsellini, Taloni, Iaquinta e Fontana.

Così all'arrivo di Gara 1:

1) Alessandro Silvestri (Mg Motorsport), 13 giri in 26’14.101
2) Moscato (Mac Competition) a 11.831
3) Palmeri (Linerace) a 11.931
4) Pellitteri (Nannini Racing) a 23.739
5) Defendi (Fog Competition) a 23.822
6) Taloni (Winner Motorsport) a 23.994
7) Cerqui (Mg Motorsport) a 24.859
8) Torta a 28.435
9) Iaquinta (Linerace) a 44.420
10) Torsellini (Corbetta) a 1’05.729

Giro più veloce: il 12° Palmeri in 1’58.989 a 175.26 km/h

Così all'arrivo di Gara 2:

1) Eugenio Palmeri (Linerace), 13 giri
2) Alessandro Silvestri (Mg Motorsport) a 0.889
3) Falci a 5.998
4) Torsellini (Corbetta) a 10.426
5) Taloni a 13.362
6) Iaquinta a 13.468
7) Fontana a 15.508
8) Moscato (Mac Competition) a 16.293
9) Valori a 25.460
10) Pellitteri a 28.348

Giro più veloce: il 12° Palmeri in 1’59.660

Campionato Italiano Trofeo Michele Alboreto. 1) Alberto Cerqui, 78; 2) Palmeri (LineRace), 66; 3) Defendi, 63; 4) Falci, 60; 5) Silvestri, 59; 6) Moscato, 56; 7) Fontana, 50; 8) Taloni, 44; 9) Iaquinta (LineRace), 41; 10) Torsellini (Corbetta), 39.

Data: 04 ott 2009 (20:54)